Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Per maggiori informazioni vedi informativa cookies. Accetta i cookies da questo sito.

Saint Lips in uscita il nuovo CD il 20.01.2011

Di più
8 Anni 7 Mesi fa #2098 da admin
SAINT LIPS, "CHARM" NUOVO DISCO IN USCITA IL 20 GENNAIO 2011

I Saint Lips sbarcheranno presto nei negozi con “CHARM” (Dcave records/Audioglobe), un nuovo lavoro registrato alle OFFICINE MECCANICHE di MAURO PAGANI. Dodici nuove canzoni che mescolano pop, rock e blues in una miscela incendiaria. La musica dei Saint Lips frulla particelle di Pixies, Blondie, PJ Harvey, Breeders, Smashing Pumpkins con scampoli classic rock anni ‘70, un melting pot affascinante, scritto e arrangiato in maniera superba e originale. Il disco vanta la partecipazione di Afterhours, Lorenzo Corti (Cristina Donà), Bobby MacIntyre come produttore dell’album e responsabile delle parti di hammond e percussioni (Twilight Singers/Mark Lanegan); Scott Bennett (Brian Wilson, Beach Boys); Whitey Kirst (Iggy Pop), Mike Garson (David Bowie). La band presenterà alcuni pezzi del nuovo disco in anteprima al MEI di Faenza il 27/11.


Ascoltate il primo singolo dell’album - “Savior”- su www.myspace.com/saintlips

“Melodie semplici ed immediate, ma che profumano di non ascoltato… I Saint Lips meritano il vostro tempo” (IL MUCCHIO)

"Da quando Blondie non è più nei Blondie ma nei Saint Lips ?" BP FALLON (tour manager Beatles, Led Zeppelin, T Rex)

LA BAND
Valentina Barletta – Voce
Marco Simoncelli – Chitarra
Valerio Galassi – Batteria
Matteo Cenciarelli – Basso
Antonio Di Girolamo – Chitarra


ROMA - La miscela musicale dei Saint Lips frulla particelle di Pixies, Blondie, PJ Harvey, Breeders, Smashing Pumpkins con scampoli classic rock anni ‘70, un melting pot affascinante, scritto e arrangiato in maniera superba e originale.
Nata nel 2006 a Roma, la band ha debuttato in Italia su Bagana Records/Edel con “Like Petals”, album che ha fatto incetta di ottime critiche, trovando anche la distribuzione in USA con una produzione Renaissance Records/Koch e che si è meritato la partecipazione di Miro Sassolini, ex cantante dei Diaframma, alla presentazione ufficiale.
Forti dei consensi ottenuti i Saint Lips fanno ora quadrato attorno alla splendida voce di Valentina Barletta e alla chitarra di Marco Simoncelli – principale autore dei brani dell’album – e danno alle stampe un disco che non solo sfodera ospiti internazionali con quattro quarti di nobiltà artistica - Bobby MacIntyre produttore dell’album e responsabile delle parti di hammond e percussioni (già batterista e produttore dei Twilight Singers/Mark Lanegan); Scott Bennett (polistrumentista di Brian Wilson, cantante dei Beach Boys); Whitey Kirst (chitarrista e co-autore di Iggy Pop), Mike Garson (pianista di David Bowie) – ma spara nei solchi dodici tracce che declinano in modo efficacissimo e vario un favoloso mélange melodico: “Little sister” dal micidiale potenziale pop, “Summer rain” classico brano rock con la partecipazione degli Afterhours nel coro, “Savior”, pezzo d’assalto con plettrate in stile “The Passanger” di Iggy Pop e la splendida e sognante ballata “39 stars”.
L’album è stato registrato su nastro in presa diretta a Milano presso le Officine Meccaniche di Mauro Pagani e completato allo Studio71 di Miami. Il mastering è stato realizzato presso i Capitol Studios in California.
Un ruolino di marcia impressionante che certifica i Saint Lips come una delle band da tenere d’occhio fra quelle del classic rock italiano, tanto più se si pensa che in tempi recenti il gruppo ha suonato al Jamm di Brixton per la “Greasy Lips Night”, serata organizzata da Alan McGee; e ancora che BP Fallon - tour manager dei Beatles, Led Zeppelin, T Rex, e dj per gli U2 nel tour di “Zooropa” - li ha riconosciuti band della settimana nella sua trasmissione radio.
Più recentemente i Saint Lips sono stati ospiti a “Stereonotte” su Radio Rai 1 collezionando ottime critiche da parte del pubblico.
===========
“Melodie semplici ed immediate, ma che
profumano di non ascoltato…
I Saint Lips meritano il vostro tempo”
(IL MUCCHIO)
SAINT LIPS: in uscita il 20 GENNAIO 2011!
I Saint Lips sbarcheranno presto nei negozi con “CHARM”,
loro secondo album registrato alle
OFFICINE MECCANICHE di MAURO PAGANI
12 nuove canzoni che mescolano pop, rock e blues
in una miscela incendiaria.

Ascoltate il primo singolo dell’album - “Savior”- su
www.myspace.com/saintlips

Da quando Blondie non è più nei Blondie ma nei Saint Lips?
BP FALLON (tour manager Beatles, Led Zeppelin, T Rex)
LA BAND
Valentina Barletta – Voce
Marco Simoncelli – Chitarra
Valerio Galassi – Batteria
Matteo Cenciarelli – Basso
Antonio Di Girolamo – Chitarra
La miscela musicale dei Saint Lips frulla particelle di Pixies, Blondie,
PJ Harvey, Breeders, Smashing Pumpkins con scampoli classic rock anni ‘70, un
melting pot affascinante, scritto e arrangiato in maniera superba e originale.
Nata nel 2006 a Roma, la band ha debuttato in Italia su Bagana
Records/Edel con “Like Petals”, album che ha fatto incetta di ottime critiche,
trovando anche la distribuzione in USA con una produzione Renaissance
Records/Koch e che si è meritato la partecipazione di Miro Sassolini, ex
cantante dei Diaframma, alla presentazione ufficiale.
Forti dei consensi ottenuti i Saint Lips fanno ora quadrato attorno alla
splendida voce di Valentina Barletta e alla chitarra di Marco Simoncelli –
principale autore dei brani dell’album – e danno alle stampe un disco che non
solo sfodera ospiti internazionali con quattro quarti di nobiltà artistica -
Bobby MacIntyre produttore dell’album e responsabile delle parti di hammond e
percussioni (già batterista e produttore dei Twilight Singers/Mark Lanegan);
Scott Bennett (polistrumentista di Brian Wilson, cantante dei Beach Boys); Whitey Kirst (chitarrista e co-autore di Iggy Pop), Mike Garson (pianista di
David Bowie) – ma spara nei solchi dodici tracce che declinano in modo
efficacissimo e vario un favoloso mélange melodico: “Little sister” dal
micidiale potenziale pop, “Summer rain” classico brano rock con la
partecipazione degli Afterhours nel coro, “Savior”, pezzo d’assalto con
plettrate in stile “The Passanger” di Iggy Pop e la splendida e sognante ballata
“39 stars”.
L’album è stato registrato su nastro in presa diretta a Milano presso le
Officine Meccaniche di Mauro Pagani e completato allo Studio71 di Miami. Il
mastering è stato realizzato presso i Capitol Studios in California.
Un ruolino di marcia impressionante che certifica i Saint Lips come una
delle band da tenere d’occhio fra quelle del classic rock italiano, tanto più se
si pensa che in tempi recenti il gruppo ha suonato al Jamm di Brixton per la
“Greasy Lips Night”, serata organizzata da Alan McGee; e ancora che BP Fallon -
tour manager dei Beatles, Led Zeppelin, T Rex, e dj per gli U2 nel tour di
“Zooropa” - li ha riconosciuti band della settimana nella sua trasmissione
radio.
Più recentemente i Saint Lips sono stati ospiti a “Stereonotte” su Radio
Rai 1 collezionando ottime critiche da parte del pubblico.
“CHARM”: TRACK BY TRACK
1) “Savior” (M.Simoncelli/Bobby MacIntyre)
Canzone nata con una ritmica diversa e successivamente riarrangiata alle
Officine Meccaniche il giorno stesso della registrazione. Ritmica influenzata
dal pezzo “The Passanger” presente sull'album “Lust for life” di Iggy Pop,
chitarre con fraseggi blues e testo che parla della ricerca della salvezza come
momento di catarsi dopo il fiume della perdizione, quando il peccato scorre
nelle vene (every sin is flowin' in my veins)
2) “Summer rain” (M.Simoncelli/Bobby MacIntyre)
Brano che nasce dall'influenza che i Rolling Stones hanno sulla band, la voce
guida il pezzo fino al ritornello dove arriva un falsetto (frutto delle ugole
degli Afterhours e di alcuni loro amici come Cesare Basile, Lorenzo Corti,
Roberto Angelini, Micol Martinez) che torna nel refrain ispirandosi a quello di
“Simpathy for the devil” degli Stones. La strofa incastra un hammond che
rifinisce, un basso e una batteria vibranti, chitarra ritmica carica di wah wah
mentre la solista di Antonio Di Girolamo viaggia e colora la musica.
3) “Little sister” (M.Simoncelli)
Questa canzone parla di una ragazza madre che ha bruciato le tappe della vita,
passando dalla spensieratezza alle responsabilità dell'essere madre. E' il pezzo
più pop dell'album, la voce scintillante accompagna le atmosfere sognanti.
4) “Wake up” (A. Di Girolamo/M.Simoncelli)
Canzone che grida la volontà di risveglio da quella volgarità e violenza che
caratterizzano i nostri tempi. L’arpeggio è in stile Pixies, ma il brano strizza
l'occhio anche allo stile chitarristico degli Oasis. “Wake up” è dunque uno dei
pezzi più rappresentativi del gruppo: fonde radici rock e suggestioni pop.
5) “39 stars” (M.Simoncelli)
Ballata dell'album: la canzone fila via tra arpeggi di chitarre e fraseggi in
stile Cure. La batteria – tribale - è accompagnata da un basso distorto che si muove con sensualità. La voce deflagra nel ritornello e poi il fraseggio
melodico finale di chitarra stempera dolcemente l’intensità raggiunta.
6) “A hope” (M.Simoncelli)
Canzone che parla della ricerca del perdono, la voce di Valentina è incalzante e
dà forma alla struttura del brano, le chitarre si muovono tra ritmiche cariche
di wah wah (una quasi costante nell'intero lavoro) e fraseggi nel ritornello.
Basso e batteria si incrociano tra pause e riprese aggressive.
7) “White fly” (M.Simoncelli/Bobby MacIntyre)
Il pezzo è un vero e proprio tributo ai Ramones: classico giro in stile punk
rock anni '70, con cori che incalzano nel refrain: tra le voci che lo compongono
c'è anche quella del produttore artistico dell'album Bobby MacIntyre. Il
ritornello melodico e la composizione quasi nervosa delle strofe vanno a
sintetizzare la formula perfetta per il brano più asciutto e punk dell'album.
8) “Land” (M.Simoncelli)
Pezzo dalle atmosfere acide e testo che parla del rifiuto verso ciò che non ci
appartiene profondamente, chitarre granitiche con la presenza anche di Whitey
Kirst, chitarrista di Iggy Pop che realizza il solo trascinante. Effetto
megafono sulla voce nelle strofe dove basso e batteria spingono fino al
ritornello che esplode grazie alla contraerea a tre chitarre che s’incastrano
fra loro attraverso le distorsioni.
9) “Angel” (M.Simoncelli/Bobby MacIntyre)
Il pezzo è nato in stile punk ma è stato poi riarrangianto con stacchi,
accelerazioni nervose e pause. La batteria tribale nelle strofe, le pause preritornello
e il chorus aggressivo intessono una texture che rappresenta il
tappeto sonoro ideale per l'accelerazione punk sul bridge. Il cantato e il brano
suonano molto riot girl.
10) “Losin' control” (Bobby MacIntyre/M.Simoncelli)
Canzone psichedelica e di radici classic rock, le chitarre viaggiano tra
distorsioni wah wah e ritmiche realizzate con la lap steel guitar (gentilemente
concessa da Mauro Pagani), il pezzo ha un crescendo hard rock nel bridge prima
del solo, la voce è graffiante e bluesy.
11) “Fertile” (M.Simoncelli)
Blues con riff e strizzate d'occhio agli arrangiamenti zeppeliniani. La canzone
è impreziosita dal piano del maestro Mike Garson, già pianista per David Bowie.
Il pezzo si muove tra onde sensuali e cariche di umori terreni.
12) “Yourself” (Bobby MacIntyre/M.Simoncelli)
E’ il pezzo più aggressivo e che chiude l'album, con sfumature quasi crossover e
un riff marcato di radice blues. I wah wah delle chitarre si intrecciano fino a
toccare il loro apice nel solo. Voce distorta e violenta che ripete con
ossessione l'importanza dell'essere sé stessi e veri fino in fondo.
Allegati:

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
8 Anni 7 Mesi fa #2106 da admin
CONCORSO SU WWW.PNPIU.EU - VINCI UN CD!!!!!

Vinci il nuovo cd in uscita il 20 gennaio 2011 dei Saint Lips.

Ascoltate il primo singolo dell’album - “Savior”- su
www.myspace.com/saintlips

Tra tutti gli iscritti al contest (nel menù principale in home page) sarà sorteggiato il primo dicembre un fortunato che vincerà il nuovo CD del gruppo (il contest è aperto SOLAMENTE agli iscritti a PN+, l'iscrizione è gratuita).

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
8 Anni 6 Mesi fa #2113 da admin
Per il concorso: vinci il nuovo cd dei Saint Lips. hanno partecipato 19 iscritti; utilizzando il programma "FreeMaster" che restituisce un numero casuale da un intervallo scelto di numeri è stato estratto il numero 14 corrispondente all'iscritta "dianaurora". I contatti della vincitrice sono stati inviati alla casa discografica per l'invio del CD.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.828 secondi

Google News

Loading...